Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » Oggi memoria di San Fantino il Cavallaro 
Domenica 19 Agosto 2018

Oggi memoria di San Fantino il Cavallaro   versione testuale

L'immagine è dal Proprio liturgico della Diocesi


Da Santi e Beati - Autore: don Vittorio Castagna, parroco di Taureana

San Fantino è il Santo più antico calabrese storicamente provato. Nato a Taureana di Palmi (Rc) nel 294 dC, dove morì nel 336, il 24 Luglio, giorno in cui si celebra la memoria.

Il suo biografo , Pietro Vescovo occidentale ci presenta un profilo di santità affascinante. Non sappiamo chi l’ha condotto a Cristo, ma cosa più importante, sappiamo che una volta conosciuto, la sua vita è stata solo per lui.

Pietro nel “ Bios “ del Santo ci dice che era un cavallaro, a servizio di un nobile pagano di Taureana di nome Balsamio. Uomo molto dedito alla preghiera e amico dei poveri pieno di misericordia nei loro confronti in conformità all’ invito evangelico di siate misericordiosi, com’è misericordioso il Padre vostro celeste. Nel tempo della mietitura li aiutava facendo trebbiare i loro covoni con le cavalle del suo padrone, la notte affinchè  questo non si insospettisse. Balsamio avvisato da gente malvagia, una volta scoperto Fantino, preso d’ira voleva ucciderlo, ma il Santo riuscito a scappare si diresse verso il fiume Metauro (oggi Petrace), che riuscì ad attraversare grazie alla sua preghiera, con cui ottenne il prodigio di dividerlo, in quanto era molto gonfio e non si poteva attraversare. Balsamio vedendo il prodigio, chiese perdono a Fantino, riuscì anche lui ad attraversare il fiume e si convertì a Cristo.

Alla sua morte, il Santo venne sepolto nella Villa di Balsamio, la cui Cripta tutt’ora esiste.

Tra i miracoli avvenuti per intercessione del santo, narrati sempre da Pietro, vi è quello della sua apparizione  insieme alla Madonna, su uno scoglio immerso nel mare in località Pietrenere nei pressi di Taureana. Il vescovo ci dice che mentre si festeggiava la memoria del Santo, si videro arrivare delle navi saracene. L’esercito si preparava alla battaglia, molti si recarono sulla tomba del santo per invocare la sua protezione. Scoppiò una tempesta che fece naufragare le navi. I pochi saraceni che si salvarono, una volta arrestati, narrarono di aver visto sullo scoglio, una donna vestita di porpora e un giovane con i capelli al vento e con in mano un tizzone fumigante che ad un cenno della donna lanciò a mare, facendo scoppiare la tempesta. La gente ha riconosciuto in quella donna la madre di Dio e nel giovane San Fantino. Da questo prodigio, nasce a Taureana il culto alla Madonna con il titolo di Maria SS.ma dall’Alto mare. Il miracolo si può datare intorno al 560. Per ricordare il prodigio, Il 24 luglio 2010, l’effige della Madonna è stata incoronata con un diadema interamente in oro benedetto da SS. Benedetto XVI, il 26 maggio 2010.

Ogni anno, il Santo viene celebrato il 24 luglio, secondo le indicazione del Messale proprio della Diocesi di Oppido M.-Palmi, con il rito latino in tutta la Diocesi e in maniera particolare a Taureana con la benedizione dei cavalli e cavalieri di San Fantino il cui numero e 24 in onore del Santo. Dopo la benedizione, l’icona del Santo viene portata processionalmente fino alla Cripta.


Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo