Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » La comunità parrocchiale di Varapodio ricorda mons. Rosario Formica a 20 anni dalla morte 
Martedì 16 Ottobre 2018

La comunità parrocchiale di Varapodio ricorda mons. Rosario Formica a 20 anni dalla morte   versione testuale


Momenti di profonda ed intensa commozione si sono vissuti a Varapodio - domenica 5 agosto - nella chiesa Parrocchiale di San Nicola. Infatti, il parroco don Gaudioso Mercuri,  a venti anni del ritorno alla casa del Padre di Monsignor Rosario Formica, insieme alla comunità parrocchiale, ed ai suoi cari nipoti, lo ha voluto ricordare in una celebrazione Eucaristica per rendere gloria al Signore e ringraziarlo per un dono così prezioso. La chiesa era letteralmente gremita: tutto il paese, autorità comprese, ha voluto rendere omaggio a colui che per oltre 40 anni è stato parroco della Chiesa San Nicola dove si venera la Madonna del Rosario. Monsignor Formica è stato un sacerdote di grande spessore sia dal punto di vista ecclesiale che dal punto di vista umano. Uomo dall’apparenza burbera, austera, era dotato di una dolcezza indescrivibile; era capace di accogliere i piccoli (anche se ci teneva inculcare da subito dei saldi principi morali inderogabili), ascoltare ed aiutare quanti andavano a confidarsi con lui, abile dispensatore della Parola di Dio. In diocesi ha ricoperto, per lunghi periodi, il ruolo di Vicario Generale, senza però mai venire meno al suo compito di umile Pastore. Gli anni trascorsi a Varapodio sono stati rievocati a cura dell’Azione Cattolica, con la lettura del testamento spirituale, con immagini fotografiche pertinente il suo ministero e testimonianze. Il testamento, nella sua sublime semplicità, mette in evidenza la sua profonda unione con Dio, la fede che lo ha nutrito si da piccolo, attraverso i suoi genitori prima e poi da tutti coloro che hanno contribuito alla sua formazione sacerdotale.
 
Un ruolo fondamentale è stato quello del Venerabile  Don Francesco Mottola , fondatore degli Oblati del Sacro Cuore di Gesù, di cui Don Rosario ha fatto parte, e verso il quale ha sempre nutrito un affetto filiale m, profondo, e non ultimo il suo affidamento incondizionato verso la Santissima Vergine. Le disposizioni testamentarie per la sua sepoltura, hanno fatto conoscere la sua profonda e sincera umiltà e l’amore la comunità da lui guidata per tanti anni, tanto da fargli scegliere, come ultima dimora, il cimitero di Varapodio. La testimonianza più toccante è stata quella resa da Don Mino Ciano, parroco di Seminara, che ha presieduto la Celebrazione Eucatistica assieme a Don Gaudioso Mercuri, parroco delle comunità di Varapodio, e da un sacerdote indiano, ospite temporaneo. Dicevamo testimonianza toccante in quanto, essendo stati lui il successore di Monsignor Formica, abbiamo ascoltato è potuto ancora una volta meditare, come il Signore conduce le nostre vite se ci affidiamo completamente a Lui. Monsignore in quanto Vicario, aveva accolto a suo tempo, il giovane Ciano in Seminario, lo aveva seguito durante il cammino di preparazione e aveva, da subito, sperato che il Signore lo facesse essere in futuro il suo successore. È stato proprio così. Egli aveva immediatamente notato i carismi di quel giovane e avendone apprezzato le qualità, aveva chiesto all’allora Vescovo Don Domenico Crusco, una volta che era stato ordinato Sacerdote, di poterlo avere come aiuto per i giovani, in seguito quando la sua salute divenne malferma, come amministratore ed infine come Parroco. Parroco che non fece sentire ai fedeli la mancanza dell’amato Pastore, anche se la differenza di età era enorme, perché il giovane Don Ciano continuò sulla strada Pastorale già tracciata, ovviamente arricchita dai suoi tratti personali e dall’ entusiasmo proveniente dalla sua giovane età. Come si è detto non sembra siano trascorsi tanti anni perché la presenza dell’amato Parroco si avverte ancora.
 
Ciascuno ha un ricordo, un insegnamento da riferire a chi è troppo giovane e no non ha potuto conoscerlo, perché possa fare tesoro di quanto egli stesso, a suo tempo, ha imparato. L’ Azione Cattolica è orgogliosa e grata al Signore per avere avuto per tanti anni una guida così salda, così innamorata di questa associazione che Pio XII amó definire  “ la spina dorsale della Chiesa?, e continua il suo cammino, a 150 anni dalla sua fondazione nazione, tenendo a mente e mettendo in pratica le esperienze vissute con Monsignor Formica. Si è certi che la sua prestigiosa figura non verrà mai dimenticata: il suo modo di essere sacerdote per sempre e la sua grande umanità, saranno ad imperitura memoria, farò luminoso per tutta la diocesi.                     
 
Azione Cattolica ass. int “S. Francesco di Paola?


Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo