Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » Accolitato del seminarista Francesco Muratori 
Sabato 22 Settembre 2018

Accolitato del seminarista Francesco Muratori   versione testuale


La comunità della Parrocchia Maria SS. Del Rosario ha partecipato con gioia alla Celebrazione Eucaristica del 27 agosto sera nella quale il seminarista Francesco Muratori è stato istituito accolito, cioè ministro dell’Eucaristia, come l’ha definito S. Ecc. Mons. F. Milito. Da ora in poi Francesco, che prima, da Lettore, proclamava la Parola di Dio, si occuperà del servizio all’altare, particolarmente della preparazione dei vasi sacri, e, se necessario, della distribuzione dell’Eucarestia ai fedeli, per questo servizio affiancherà dunque i diaconi e i presbiteri. Questa festa si colloca liturgicamente nella memoria di S. Monica e domani di S. Agostino, ha detto il Vescovo, due vite, legate insieme, non solo da un punto di vista carnale di madre e figlio, bensì da un punto di vista spirituale. S. Monica è stata una Madre che ha versato molte lacrime per un figlio che viveva la sua vita nel male, lacrime che il Signore ha riscattato, facendo sì che Agostino potesse convertirsi, proprio a Milano, dove lui aveva dimostrato le sue grandi doti di oratore, e proprio lì diventa vescovo e grande maestro indiscusso della fede. Grazie a lui si viene a conoscenza della grande S. Monica. Donna istruita e forte, luce per il marito e i figli, la cui preghiera instancabile, ha portato il figlio a consacrarsi al Signore. Anche Francesco è incamminato verso questa via che lo condurrà a breve al Diaconato. Intorno a Francesco hanno fatto corona i suoi amici seminaristi.
Il più bel regalo che la comunità, che ha visto crescere Francesco, può fargli, ha evidenziato il Vescovo, è quello di pregare perché questo amore suo per Cristo diventi sempre più grande fino a diventare un grande Sacerdote. Il fulcro della sua vita dovrà essere la Parola e l’Eucaristia, perché essa possa essere interamente trasformata in Lui, che gli sarà d’aiuto in ogni momento della sua esistenza, particolarmente nei momenti di crisi, che sicuramente non mancheranno. Mons. Milito ha concluso il suo pensiero, dedicando un pensiero a Maria, già che la stessa Parrocchia è dedicata a Lei, a Maria, la Madre di tutte le madri, che dall’altare ha visto crescere Francesco. Lei che è la Lettrice e l’Ascoltatrice per eccellenza ha pronunciato: “Avvenga di me quello che hai detto�, sia di modello e preghiera per Francesco perché possa con fiducia procedere fino a giungere anche lui al suo “Si�. Il Vescovo ha, inoltre, rivolto un pensiero anche alla famiglia di Francesco che da famiglia di fede ha seguito con amore e sostenuto la vocazione del figlio. 
Al termine della Celebrazione Eucaristica Francesco ha espresso in modo molto sentito, che da tempo sognava di poter essere accolito e servire il diacono e il sacerdote all’altare per il servizio dell’Eucaristia. Il neo accolito, ha, innanzitutto, ringraziato il Signore che ha fatto maturare in lui il dono della Vocazione e ha iniziato in lui questa Sua opera, poi il Vescovo che è la sua guida insieme al padre spirituale del Seminario Maggiore don Salvatore Larocca e infine don Salvatore Giovinazzo suo parroco, che ha visto maturare la sua vocazione e l’ha incoraggiato a intraprendere questo cammino. Il neo accolito ha concluso il suo breve pensiero, dicendo di non vedere l’ora di poter diventare sacerdote per poter baciare l’altare ed essere vittima e sacrificio per Cristo. 
Carmen Maria Manno




Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo