Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » L'esperienza di servizio con l'Associazione Coloriamo l'Arcobaleno fatta dai nostri seminaristi  
Martedì 16 Ottobre 2018

L'esperienza di servizio con l'Associazione Coloriamo l'Arcobaleno fatta dai nostri seminaristi    versione testuale


I seminaristi del seminario teologico calabro "San Pio X" di Catanzaro: Domenico Alampi, Igor Scalamandrè e Fortunato Marsetti nei giorni dal 12 al 17 agosto, su richiesta del vescovo hanno svolto l'esperienza caritativa estiva del campo di condivisione con i ragazzi disabili e i volontari dell'associazione di volontariato e centro aiuto familiare " coloriamo l'arcobaleno" sita in via Mazzini,26 Polistena (RC).  
 
Questa associazione nata a Polistena nel 1992 per volere delle suore della divina volontà, in particolar modo con suor Scremin Loredana la quale faceva degli incontri circa una volta alla settimana con tre, quattro ragazzi disabili.  
 
Pian piano l'associazione è cresciuta, adesso i volontari con i ragazzi si incontrano due volte alla settimana svolgendo attività ludico sportive. Una volta all'anno svolgono una settimana di campo di condivisione nel mese estivo al mare, dove sia i ragazzi con disabilità, sia i volontari trascorrono la giornata in allegria condividendo tutti i momenti della giornata, all'interno della quale i volontari si prendono cura cone una famiglia dei ragazzi affidati.  
 
Ma oltre al gioco e alla animazione, la preghiera svolge un ruolo fondamentale, tema di quest'anno sono state le tre virt√Ļ teologali: fede, speranza e carit√†.¬†¬†
 
Durante i giorni del campo ognuno dei seminaristi ha animato la preghiera con delle riflessioni personali riguardanti le tre virt√Ļ teologaliassociando ad ognuna un simbolo e una frase:¬†¬†
 
- fede: il simbolo è la candela che richiama il battesimo con la frase :" mi affido a te"  
 
- speranza: il fiore del deserto che richiama alla vota e al futuro con la frase: " nella speranza... il deserto fiorirà"  
 
- carità: il fuoco che richiama l'amore reciproco con la frase:" fuoco che rischiara".  

 
campo di condivisione è stato pensato per evadere dai ritmi della vita movimentata, la barca simbolo per evadere da questa vita e per attraccare in un posto tranquillo dove gettare l'ancora per potersi ristorare.  
 
Ad ogni seminarista è stato affidato col supporto dei volontari un ragazzo per tutta la durata del campo dove il seminarista partecipava alle varie attività che svolgono.  
 
L' esperienza fatta dai seminaristi risulta molto positiva per capire i veri valori della vita e per capire anche il senso di stare assieme facendo qualche gesto di carità a chi ne ha bisogno.  
 
I seminatisti:  
 
Domenico A; Fortunato M; Igor S.  


Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo