Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » Cerimonia di commemorazione 50° Anniversario strage di Gioia Tauro - 22 luglio 1970-2020 
Sabato 15 Agosto 2020

Cerimonia di commemorazione 50° Anniversario strage di Gioia Tauro - 22 luglio 1970-2020   versione testuale

Gioia Tauro, Stazione ferroviaria


 

Preghiera

Un anniversario di morte e dolore

ci portano oggi a sostare sul posto scelto a teatro di violenza.

Se gli anni han lenito i fremiti della sofferenza

e curato le piaghe di una tristezza infinita;

se la fede ha portato conforto e sollievo di pace;

se accurate indagini hanno diradato le nebbie di disegni criminali;

se progetti sovversivi dell’ordine sociale hanno qui trovato

uno sfogo di efferatezza per progetti destabilizzanti;

se questa nostra terra, insuperabile per le meraviglie del creato

nel mare dipinto d’azzurro, specchio di un cielo terso, solcato da rotte mondiali,

nei giardini e nei campi feraci di frutti e di semina,

ma di continuo insidiati da progetti negatori del bello e della vita

la nostra ragione illuminata dalla fede,

la nostra coscienza sorretta dalla rettitudine,

il radicato senso di fraternità e ospitalità,

permeato da sentimenti di fraternità e accoglienza generosa,

vigili pensosi ci fermiamo in preghiera.

Per coloro che una morte improvvisa e violenta,

inconsapevoli e innocenti vittime,

ha privato della vita,

certi siamo della Tua paterna misericordia e accoglienza, Signore,

nel tuo regno di pace e di luce infinita.

Ai feriti nel corpo nei sentimenti di rabbia

vittime di cinico disprezzo,

la grazia del perdono e del manto della misericordia.

Su quanti, servi dello Stato e del bene comune,

nel delicato compito di proteggere l’ordine,

difendere la giustizia e assicurare la legalità,

la forza e la costanza dell’onesta determinazione

a ricercare la verità vera, la giustizia giusta,

il continuo sostegno a tutela dei rischi che corrono.

A tutti i cittadini la grazia di una conoscenza vera,

e la pratica effettiva dei propri diritti e rispettivi doveri.

A coloro, che trasmettono la vita

e chiamati ad accompagnarli nella crescita

e nello sviluppo armonioso,

i genitori, gli insegnanti, gli operatori della salute,

la perseveranza della coerenza di testimoni credibili

per le generazioni loro affidate.

Alla comunità cristiana il ricordo permanente

di essere luce del mondo, sale della terra, lievito d’impasto per opere buone.

A quanti, nel presente come in passato,

dovessero tessere segrete trame di iniquità e di violenza,  

seminare zizzania e di male,

elaborare empi programmi di malvagità, di menzogna,

di inganni, di devianze, di disordine, di depistaggi conniventi,

alimentati da delirio di diabolica onnipotenza,

privi di ogni riferimento a Te,

creatore e Signore della vita, padre di tutti,

paziente, lento all’ira e Dio di misericordia,

Ti preghiamo,

con dolcezza e fortezza,

smonta perfidia di pensieri e pratica nella violenza,   

sbarra le vie dell’empietà e riporta sul retto sentiero,

per condurre un’esistenza degna d’essere vissuta.

Fa’ comprendere che una condotta malvagia,

frutto di insipienza e di corruzione, di alleanza nel male,

porta a quella fine di vita che macchinano per gli altri,

e che l’unico vero Signore, rocca e fortezza del bene,

sei solo Tu;

che violenza, cattiverie, soprusi, discordie

non appartengono a Te,

che sei la pace, il bene, la gioia,

che quanti ti odiano noi tuoi figli    

sono destinati a perire, frutto delle loro stesse azioni.

Concedi a tutti noi la certezza che mai ci abbandoni,

e che dove abbonda il peccato può sovrabbondare la grazia.

Fa’ della Piana un giardino di speranza e di bene,

oasi di pace e modello per tutta la terra di Calabria,

capolavoro delle tue mani,

a noi affidata in consegna e che vorremmo presentarTi

sempre più bella, onesta e virtuosa.

Noi confidiamo in Te

e Tu accogli oggi,

dinanzi a questa lapide,

la nostra preghiera e questo impegno

a memoria presente e futura:

Tu che non ami la morte del peccatore,

ma che si converta e viva;

Tu che soffri per chi Ti abbandona,

e fai festa quando a Te ritorna.

Ispiraci, Signore, sentimenti di amore e mai di odio,

di misericordia e mai di vendetta,

di vincere il male con il bene.

Per Cristo nostro Signore, crocifisso e risorto.

AMEN.

X Francesco Milito

Vescovo





Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo