Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » Don Gesualdo Noto è tornato alla casa del padre. 
Giovedì 3 Dicembre 2020

Don Gesualdo Noto è tornato alla Casa del Padre.   versione testuale


Nella tarda mattinata del 23 ottobre 2020 è tornato alla Casa del Padre, dopo una rassegnata e silenziosa sofferenza, il sacerdote Gesualdo Noto.

Nato a Sinopoli il 28 marzo 1944, fu ordinato sacerdote l’8 marzo 1975 dal vescovo di Mileto, mons. Vincenzo De Chiara, nella chiesa Matrice di Cittanova.

Fu vicario parrocchiale della Parrocchia di San Ferdinando Re in San Ferdinando fino all’1 ottobre 1976, quando fu nominato parroco della Parrocchia Santi Filippo e Giacomo-Santuario San Biagio in Zammarò (VV), Comunità che resse fino al 1988, quando fu nominato vicario parrocchiale della Parrocchia di San Nicola Vescovo in Melicucco.

Dal 1990 al 1994, fu vicario parrocchiale della Parrocchia dei Santi Giorgio e Atenogene in Maropati, mentre, in seguito, fu collaboratore e poi vicario parrocchiale della Parrocchia di San Girolamo in Cittanova, fino al 2003.

Dal 2006 al 2018 fu vicario parrocchiale delle Parrocchie di San Teodoro in Rizziconi, San Martino in Drosi e Santa Teresa di Gesù Bambino in Cannavà.

Negli ultimi anni, le sempre più complicate condizioni di salute l’hanno costretto al silenzioso ritiro nella preghiera della sua casa in Cittanova, fino agli ultimi mesi d’intensa sofferenza, trascorsa sotto la vigile ed affettuosa cura dei suoi familiari.

Don Gesualdo è stato un sacerdote gioioso, sempre sorridente e aperto alla speranza.

Sostenuto da una fede semplice e imbevuto di devozione e pietà popolare, ha sempre ricercato il decoro della Casa del Signore, ritenendo che per il culto sacro si dovessero impiegare gli arredi più belli e preziosi.

Ha studiato e raccolto per lunghi anni, le testimonianze del cammino quotidiano della fede del Popolo di Dio, fatto di preghiere, di canti, di immagini devozionali.

Ci piace immaginarlo, adesso, mentre varca la soglia del Cielo, finalmente libero dal peso della nostra umana fragilità, accolto dalla sua cara mamma, sempre presente nei suoi ricordi e nel suo cuore.

Possa il Signore, che lo ha voluto suo ministro e che lo ha chiamato a sé nel vivo di una giornata luminosa e piena di sole, accoglierlo nella luce eterna della sua Dimora di pace.  

 


Sac. Letterio Festa

Direttore dell’Archivio Storico Diocesano    

Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo