Facebook 
      Sei qui:
 Home » In evidenza » #prospettivaFUCIoppidopalmi 
Martedì 24 Aprile 2018

L'incontro dal tema '#prospettivaFUCIoppidopalmi' riapre la stagione fucina nella Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi   versione testuale


Si è svolto nel pomeriggio di martedì 3 aprile presso la Casa del Laicato l’incontro dal titolo #prospettivaFUCIoppidopalmi che ha avuto lo scopo di presentare la FUCI (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) e condividere questa importantissima forma di attenzione della Chiesa al mondo dei giovani universitari.

Ha aperto il dialogo l’Assistente diocesano della costituenda FUCI Oppido Mamertina-Palmi don Antonio Nicolaci richiamando i piccoli passi mossi in Diocesi e ribadendo il desiderio che la nostra Chiesa diocesana ha di camminare con i giovani e nello specifico della FUCI con gli universitari, sottolineando che la nomina in Diocesi dell’Assistente FUCI è un piccolo segno tangibile di questa attenzione.

é stata la volta poi di una giovane universitaria, Stefania Angì, Membro dell’Equipé diocesana di Azione Cattolica Giovani con cui in queste fasi di inizio si è lavorato molto, il più possibile in sinergia, la quale raccontando la propria esperienza di universitaria ha evidenziato la necessità che c’è per gli universitari di continuare a vivere un cammino di fede nella sede universitaria ma sottolineando la difficoltà riscontrata in tale ambito.

Luigi Santoro, Vice Presidente Nazionale FUCI, ha evidenziato come la prospettiva coltivata dall’esperienza FUCI sia in grado di venire incontro a questa esigenza perché lega il mondo dei saperi alla vita di fede e aiuta anche a mettere in risalto la complementarietà dei saperi. Questo aspetto è stato ripreso da Davide Sabatini, Rappresentante dell’Assemblea Federale (organo che ha il compito di sviluppare le mozioni approvate dall’Assemblea che determinano le tematiche oggetto di riflessione per l’anno a venire).

Laura Manganaro, Incaricata regionale, ha spiegato l’articolazione della vita della FUCI attraverso i tre livelli che la caratterizzano,  Livello nazionale, regionale e locale; il primo paragonato alla locomotiva della Federazione; il secondo – quello regionale – è il gancio che unisce locomotiva e vagoni con il compito di coordinare i diversi gruppi di una regione, sostenendoli e verificandone periodicamente lo stato, promuovendo in genere anche iniziative formative durante le periodiche Assemblee Regionali.

Infine il riferimento al livello locale che è il Gruppo FUCI vero e proprio con i gruppi che si possono dividere in gruppi di sedi universitarie e gruppi diocesani non di sede universitaria. Questo è il servizio vero e proprio dei gruppi FUCI in cui il giovane si ritrova con altri suoi coetanei per discutere di temi di attualità alla luce della propria vita di fede, per approfondire il magistero, per dirla con san Paolo per “rendere ragione della propria fede”, contribuendo così ad animare il dialogo Fede-Cultura. Oltre alla formazione personale un gruppo FUCI propone anche tavole rotonde o incontri aperti di dibattito e dialogo. Nel gruppo si sperimenta una visione diversa di vita universitaria, lo studio non come accumulo di saperi e l’università non esamificio ma come primo strumento per entrare sempre di più nell’ottica della corresponsabilità con Dio e come il luogo privilegiato in cui il Signore chiama lo studente a santificarsi.

L’incaricata regionale ha anche preso spunto per presentare il prossimo Convegno nazionale dal titolo "Ri-generAZIONE. Universitari confusi, connessi, innovativi" che si svolgerà a Reggio Calabria dal 3 al 6 maggio (per maggiori informazioni http://fuci.net/appuntamenti-nazionali/congresso-nazionale).

L’incontro si è concluso con due belle testimonianze di ex Fucini, il Notaio Concetta Maria Costa e il Dott. Giovanni Barone, i quali ci hanno fatto toccare con mano quanto l’esperienza vissuta seppur impegnativa sia stata per loro un tesoro di cui ancora oggi beneficiano. Il notaio in particolare ha affermato che grazie alla FUCI ha maturato l’altissimo concetto della professione intesa come servizio alla persona e professione/orazione al Signore mentre il Dott. Barone ha tratto una particolare passione per l’impegno cristiano nel sociale e nel dibattito culturale

L’augurio finale è stato che quanto ieri vissuto possa far presto della #prospettivaFUCIoppidopalmi una realtà di Gruppo FUCI Oppido Mamertina-Palmi.      




Condividi su:
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie
Copyright © 2017 Diocesi di Oppido Mamertina - Palmi - info@diocesioppidopalmi.it

Sezione News: Supplemento online di AcquaViva - Reg.Trib. di Palmi nr. 66/1993
Powered by Lamorfalab Studio Creativo